Lunedì, 05 Febbraio 2018 16:35

Riprese video per eventi: cosa non si può fare

Scritto da 

Quando vengono realizzate delle riprese video per eventi, dobbiamo anche essere bene informati riguardo alla privacy.

Per condividere i nostri video in assoluta tranquillità, senza rischiare di incorrere in pesanti sanzioni penali, dobbiamo sapere se il video realizzato verrà o meno condiviso pubblicamente e soprattutto sui canali social. Non dobbiamo dimenticare che la tutela della privacy è una materia molto ostica e ancor più servera.

Ovviamente non può essere considerato reato riprendere delle persone sconosciute in un luogo pubblico, quindi se il nostro scopo risulta essere quello di girare delle riprese video a fruizione personale durante un evento, lo possiamo fare.

Se durante le riprese una persona ci chiede di non essere ripresa dobbiamo rispettare il suo volere e soprattutto dobbiamo fare la massima attenzione quando si tratta di riprendere i bambini, i quali godono di leggi sulla privacy molto restrittive.

 

La condotta diventa sanzionabile quando il video viene pubblicato e condiviso. In questo caso serve il consenso delle persone che compaiono nel video.

L’articolo 96 della legge 633/41, che regola la protezione del diritto d’autore, stabilisce che “Il ritratto di una persona non può essere esposto, riprodotto o messo in commercio senza il consenso di questa“. Mentre non serve la liberatoria quando si filma un gruppo di persone in lontananza senza che siano distinguibili, a differenza dei primi piani da condividere a livello multimediale.

Le riprese video per eventi, dovrebbero essere fatti solo attraverso panoramiche sulle persone escludendo i primi piani.

Per realizzare delle ottime riprese video per eventi, oltre ad avere un’attrezzatura di qualità, è doveroso conoscere come impostare correttamente le telecamere o la singola telecamera.

La/le telecamere non possono essere posizionate a caso, ma ci vuole criterio, realizzando inquadrature frontali quando c’è la presenza di un relatore.

Con due o più telecamere, è bene tenerne una fissa su chi parla, e l’altra rivolta verso il pubblico, per poter mostrare la sala ma anche il punto di vista del relatore.

Il vero video-making sa che durante le riprese video per eventi deve filmare le varie sessioni incluso il dietro le quinte, i contenuti extra ed il pre-evento, utile per mantenere alta la concentrazione e l’attenzione sull’evento, ancora prima del suo vero inizio. Saper riprendere e raccontare i momenti salienti, serve per far rivivere le emozioni.

Le riprese video per eventi, rendono molto si in termini professionali sia di immagine e soprattutto aiutano ad aumentare il gradimento dell’evento da parte di coloro che vi partecipano.

A seconda del budget a disposizione, è possibile rivolgersi a una casa di produzione con elevata esperienza come Thirty Seconds di Milano, ad un’agenzia, oppure ad un video maker, ed è sempre meglio abbandonare l’idea del fai-da-te quando non si è certi delle proprie competenze.

I video dovrebbero essere pronti in tempi molto brevi, questo per essere visibili non solo ai partecipanti ma anche al pubblico remoto. In questo caso vale la regola che più si è semplici e brevi e più si viene ripagati, ottenendo meno rischi ma soprattutto un maggiore e ben gradito successo!

Letto 1574 volte Ultima modifica il Martedì, 06 Febbraio 2018 14:18