Mercoledì, 11 Gennaio 2017 18:31

Come scegliere la musica per matrimonio

Scritto da 

Individuare la colonna sonora più adatta al giorno delle proprie nozze può essere un compito più difficile di quel che si possa immaginare, dal momento che si tratta di far combaciare i gusti degli sposi con le esigenze degli invitati che prenderanno parte alla cerimonia. Se è vero che la musica per matrimonio è un elemento fondamentale, quindi, si rivela indispensabile sceglierla con la massima attenzione e la massima cura, anche tenendo conto dello stile dei festeggiamenti. Molto dipende, ovviamente, dal tipo di atmosfera che si è intenzionati a ricreare: un conto è richiedere un dj set con musica a tutto volume e un conto è optare per un concerto d'archi.

 

Il sito www.musica-per-matrimonio.it costituisce un prezioso punto di riferimento per tutti quelli che non sanno come orientarsi nella scelta di un accompagnamento musicale e, al tempo stesso, hanno la necessità di rivolgersi a un professionista del settore per risolvere ogni esigenza in materia. La musica per matrimonio è in grado di riflettere il mood della cerimonia, ma anche di enfatizzarlo, di accompagnarlo e di metterlo in risalto, a seconda dei casi. La regola più importante da rispettare è quella che prevede di stabilire l'abbinamento più adatto tra la colonna sonora e il momento della giornata: se nel corso del pranzo quel che ci vuole è un accompagnamento leggero e rilassante, che non impedisca agli invitati di conversare e non disturbi, dopo la conclusione del pasto, e magari prima del dolce, ci si può scatenare un po' di più, alzando il volume senza esagerare.

Musica per matrimonio: le opzioni a disposizione

Le opzioni a disposizione sono praticamente infinite, anche per quel che riguarda gli strumenti musicali e le note che ne deriveranno: dai flauti alle arpe, dai violini agli organi, dai fiati agli archi, le varianti sono potenzialmente illimitate, e ognuna di esse è in grado di innescare suggestioni uniche e di favorire sensazioni fantastiche. Per altro, si può anche pensare di ricorrere alla musica nel corso della cerimonia vera e propria: nel caso di una funzione civile non dovrebbero esserci paletti particolari, mentre qualche restrizione in più potrebbe comparire nel caso di un rito religioso.

La dolcezza e la tranquillità dovrebbero essere, in sintesi, i principi ispiratori della musica da adottare nel giorno del matrimonio: un giorno che - vale sempre la pena di ricordarlo - è dedicato alla proclamazione di un amore e alla celebrazione di un legame sentimentale che si spera eterno. Anche di questi aspetti ci si deve ricordare, tentando di mescolare le necessità e i gusti dei presenti per un intrattenimento che si riveli al tempo stesso di classe e piacevole. Lasciarsi ispirare dalla location del ricevimento potrebbe essere un'altra buona idea da mettere in pratica per essere certi di prendere la decisione giusta. 

Letto 833 volte