Mercoledì, 12 Febbraio 2014 16:28

E-mail marketing: il giorno migliore per mandare una newsletter

Scritto da 

Il settore dell'email marketing è davvero molto vasto, ma quando parliamo di comunicazione, è bene sapere quale sia il giorno migliore per mandare una newsletter, ovvero il giorno con maggiori probabilità che la nostra mail venga aperta e soprattutto letta e non direttamente cestinata. Sull'argomento ci sono diversi studi e da quanto emerge, fra tutti i giorni della settimana, la spunta di gran lunga il martedì. Al martedì infatti, giorno in cui si concentrano il maggior numero di invii di newsletter. Forse perchè rappresenta il vero giorno di "lavoro a pieno titolo" dopo il lunedì che per alcuni inizia un po' sottotono. Sempre al martedì infatti si riconoscono le migliori performance in termini di Open Rate e CTR. In questo giorno chi aprirà la vostra mail entro un'ora dall'invio, potrebbe dimostrarsi davvero interessato, diversamente, le probabilità scendono e allo scadere delle 24 ore dall'invio solo l' 1% degli utenti, potrà dimostrarsi ancora interessato.

Email marketing: come incrementare le aperture

Ora che siamo tutti d'accordo sul giorno in cui inviare la vostra mail, il martedì appunto, vediamo come incrementare le aperture. Il pre-header, ovvero l'intestazione "gioca" un ruolo fondamentale. Nel nostro caso l'intestazione corrisponde al primo rigo. Da mettere in risalto subito dopo l'oggetto, la prima frase dovrebbe ammaliare l'utente, proprio come il famoso canto delle sirene di Ulisse. L'utente dovrebbe essere così preso da quello che sta leggendo da non riuscire a staccare gli occhi dalla mail. Una sintesi curiosa ed accattivante che anticipa il contenuto senza però svelarlo. L'errore che fanno in molti è proprio quello di far risultare subito questa frase: "Se non leggi correttamente questo messaggio, clicca qui...". Ecco questo è il tipo di frase che nessuno vuole leggere perchè già si capisce che la mail non è probabilmente rivolta a noi ma ad un numero x di utenti che sono chiamati ad acquistare qualcosa. E' vero, lo scopo di una mail marketing è sicuramente quello di vendere prodotti e servizi, ma se impariamo il trucco di "chiamare l'utente per nome", ricordandogli che "oggi è una bella giornata per compiere un passo, un'azione importante", allora forse l'utente avrà voglia di compiere davvero "quell'azione"! Per aumentare le performance, è bene inoltre utilizzare programmi online professionali come Logicamail che permettono di automatizzare una parte del processo e ottimizzare i risultati delle campagne.

Letto 1240 volte Ultima modifica il Mercoledì, 12 Febbraio 2014 17:39